STRUTTURE SANITARIE

Vincenzo Bonavita

Migliorare la qualità dell’assistenza

Ricerca e assistenza vanno di pari passo all’Hermitage Capodimonte. «Anni sul campo insegnano che la ricerca promuove e privilegia l’assistenza per ogni paziente».

La parola al professor Vincenzo Bonavita

Marco Tedeschi

A inizio maggio, in una conferenza stampa del Presidente della Giunta Regionale e Commissario “ad acta” per la sanità Stefano Caldoro, è stata messa in luce la notizia che i conti della sanità campana sono tornati in attivo nel 2013. Questo risultato è stato conseguito mediante un processo di razionamento e con il taglio di vari servizi territoriali e ospedalieri. Una notizia positiva pertanto che rileva un secondo lato della medaglia alquanto negativo. A pagare le spese del bilancio positivo della sanità sono infatti i cittadini, che si sono visti diminuire i servizi di assistenza. In questo contesto, spicca ancora di più l’opera di quegli Istituti che hanno fondato proprio sull’assistenza la loro politica interna. Tra questi ne è un esempio concreto l’Hermitage Capodimonte, Istituto campano programmato per la riabilitazione intensiva neurologica, psichiatrica, cardiorespiratoria, ortopedica e geriatrica; un istituto di diagnosi e cura che si occupa di aree disciplinari diverse, dalla neurologia alla psichiatria e alla lungodegenza internistica e riabilitativa. Tutte aree in cui l’attività diagnostica e terapeutica è garantita in regime di accreditamento dal SSN. «Attualmente l’Hermitage – spiega il professor Vincenzo Bonavita, presidente dell’Istituto di Diagnosi e Cura – sta portando avanti un disegno strategico articolato nella selezione di personale medico, giovane e impegnato nella ricerca, cui non vuole rinunciare e nella stipula di convenzioni per la ricerca con Istituzioni universitarie. Mi riferisco all’Università degli Studi di Napoli Federico II, alla Seconda Università degli Studi di Napoli, all’Università degli Studi di Salerno e all’Università degli Studi di Napoli Parthenope e al Consiglio Nazionale delle Ricerche. A queste istituzioni Hermitage Capodimonte offre la possibilità per i ricercatori universitari di svolgere ricerca scientifica in strutture tecnologicamente avanzate come il laboratorio di risonanza magnetica ad alto campo e quello di magnetoencefalografia, il laboratorio di neuro meccanica e quello di biologia molecolare e cellulare». Ricerca che non mette comunque in secondo piano una delle componenti principali della Hermitage Capodimonte, ovvero l’assistenza al malato. «La mia storia personale vissuta nel mondo accademico (prima a Palermo e Messina, e poi nelle università di Napoli) mi ha insegnato che la ricerca scientifica migliora la qualità dell’assistenza perché la ricerca promuove e privilegia l’assistenza di qualità. Prendersi cura significa creare un contesto strutturale, ambientale e di relazione tra chi è curato e chi cura. Certamente il contesto alberghiero, gli arredi delle parti comuni e il parco di 4 ettari danno a chi entra nell’Istituto l’immagine di accoglienza e di servizi di qualità. Tutto il resto è qualità umana». Oltre a questo, Hermitage ha anche servizi ambulatoriali. «Si tratta – precisa Bonavita – di prestazioni cliniche e strumentali in accreditamento con il SSN. Abbiamo l’ambulatorio di neurologia, cardiologia, endocrinologia e urologia clinica, il laboratorio di patologia clinica, di diagnostica per immagini, di diagnostica strumentale in neurologia e in cardiologia». Servizi continui che vanno ad affiancarsi ai progetti futuri della struttura. «Intendiamo ottenere il riconoscimento come centro di eccellenza per la ricerca, la diagnosi e la cura oltre che quello di pubblica utilità da parte della Regione e del Comune di Napoli per la realizzazione di una nuova via di accesso a Hermitage Capodimonte. Una richiesta che non può essere negata a una struttura ospedaliera di 250 posti letto accreditati con il SSN».

Richiamo

l’Hermitage sta portando avanti un disegno strategico attraverso la stipula di convenzioni per la ricerca con istituzioni universitarie

Dida

Il professor Vincenzo Bonavita,emerito di Neurologia dell’Università Federico II, è presidente dell’Istituto di Diagnosi e Cura Hermitage Capodimonte di Napoli www.hermitagecapodimonte.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *